65% dei richiedenti asilo ottiene il “diniego”

“Senza ottenere il diritto e l’opportunità di poter esprimere il proprio potenziale”

“Ho lasciato casa mia – la Somalia – nel lontano 2005. Ho attraversato il Kenya, l’Etiopia, l’Uganda, il Sudan e finalmente sono arrivato in Libia. In Libia, dopo un controllo casuale, sono finito in carcere per più di 1 anno. Una volta scarcerato, con la barca sono riuscito a raggiungere l’Italia nel 2008. Sono sbarcato in Sicilia e ho chiesto asilo, ho ottenuto uno status di protezione sussidiaria. Sei mesi dopo, senza un posto di lavoro, ho deciso di andare in Svezia e lì sono rimasto per otto mesi. Non avevo un permesso per lavorare e quando la polizia mi ha scoperto, mi ha rimandato indietro in Italia. Ho passato due mesi a Roma e poi sono tornato al nord Europa, Finlandia questa volta. Solo per un mese però. Sono dovuto poi tornare in Italia dopo un altro controllo di documenti. Tappa successiva, Olanda, dove sono stato praticamente un anno. Ho trovato un lavoro, ma quando la polizia ha controllato i miei documenti, mi ha rimandato di nuovo indietro in Italia (sulla base del Regolamento Dublino). Sono tornato in Italia, ci sono rimasto per due mesi e poi sono andato in Svizzera, solo per due mesi però. La polizia svizzera mi ha fermato e rimandato indietro in Italia. Per l’ennesima volta. E siamo al 2011. Cerco soltanto un’opportunità. Nient’altro che una piccola opportunità!”

Uomo, 29-anni Somalo – intervistato in Italia da | Jesuit Refugée Service Europe

 

Ci sono 144 milioni di persone sfollate nel mondo. Ogni minuto, 24 persone abbandonano i loro affetti (persone forzate alla migrazione) per sfuggire a guerre, persecuzioni, terrore o semplicemente, mancanza di diritti fondamentali e opportunità. Siamo migranti e abbiamo il diritto di applicare il nostro diritto di autodeterminazione, anche in un contesto di avversità. Semplicemente!

Sì, 47% di noi migranti tra 25 e 54 anni non ha frequentato il liceo e l’88% non ha avuto l’opportunità di frequentare l’università.

Sì, 67% dei cittadini italiani percepisce noi (migranti) come la principale minaccia per il loro Paese.

Benvenuto in Mygrants! Siamo molto più di una semplica piattaforma educativa!

Mygrants è una filosofia, uno stile di vita, un modo di essere. Sei nato Mygrant o semplicemente non lo sei. A volte perdiamo la rotta, è vero. Tuttavia, non appena si presenta un’opportunità, la cogliamo. Siamo nati per questo. Siamo pronti a morire per questo

Mygrants | Laddove non vi è una rotta, ce ne creiamo una

 

Perché abbiamo deciso di affrontare e vincere questa sfida?
Semplice! Secondo il Patto Internazionale sui Diritti Economici, Sociali e Culturali:

  • Tutti i popoli hanno il diritto di autodeterminazione. In virtù di tale diritto, determinano liberamente il loro status politico e liberamente perseguono il loro sviluppo economico, sociale e culturale
  • Tutti i popoli possono, per i loro propri scopi, disporre liberamente della loro ricchezza e risorse naturali, fatto salvo qualsiasi obbligo derivante dalla cooperazione economica internazionale, fondato sul principio del reciproco beneficio e sul diritto internazionale. In nessun caso un popolo può essere privato dei propri mezzi di sussistenza
  • Gli Stati, ivi compresi quelli responsabili della gestione dei territori non autogovernati e di fiducia, promuovono la realizzazione del diritto di autodeterminazione e rispettano tale diritto, conformemente alle disposizioni della Carta delle Nazioni Unite

Cosa aspetti? Unisciti a Mygrants!
La tecnologia esiste e il tempo di dare risposte concrete è ormai giunto. La nostra missione è di dare a milioni di rifugiati situati in Italia e in Europa l’opportunità di ottenere il supporto richiesto, ovvero:

1) INFORMAZIONI SU DIRITTO & ASILO
_ Diritto internazionale e diritti fondamentali dell’uomo
_ Trattati dell’Unione europea
_ Sistema europeo di asilo & Hotspot
_ Sistema di protezione internazionale per richiedenti asilo e rifugiati
_ Titoli di viaggio e documenti di trasporto

2) SFIDE SOCIALI
_ Il diritto alla salute
_ Libero accesso all’acqua potabile
_ Libero accesso al cibo
_ Libero accesso all’educazione
_ Eroi sociali del terzo millennio

3) IMPRENDITORIA (Grants)
_ Identificare le opportunità
_ Saper valutare le idee
_ Pianificare le attività con lungimiranza
_ Dotarsi delle risorse necessarie
_ Prendere l’iniziativa

Ad oggi, eroghiamo i nostri servizi a più di 23’000 immigrati collocati in tutta Italia, dalla Sicilia al Piemonte. Grazie alla sua Comunità, Mygrants offre anche supporto per lo svolgimento di corsi formativi formali erogati da enti di formazione quali università e Centri di Ricerca, Spin-off Universitarie, Fondazioni, Centri per l’impiego, Agenzie interinali, etc. Nella nostra Comunità ci sono anche tante donne e moltissimi minori non accompagnati.

Siamo pionieri nell’era dell’educazione “non-formale” e oggi, siamo focalizzati a individuare varie soluzioni innovative (formali e informali) ai tanti problemi che gli immigrati affrontano ogni giorno durante il loro lungo viaggio verso casa.
Per indurre i governi a modificare le attuali norme sull’immigrazione e rispettare i diritti fondamentali dell’uomo e del migrante, abbiamo bisogno del supporto di tutte quelle organizzazioni, formali e non, digitali e non, che come noi – credono che per preservare l’integrità della razza umana sia necessario prima “informarla, formarla, supportarla”.

Caelum non animum mutant qui trans mare currunt.